Osteria Grande Solidale.2

Seconda puntata di una iniziativa per far ripartire società ed economia nelle comunità colpite dal terremoto.

Archiviato il primo capitolo, svolto l’11 dicembre scorso, la parrocchia di Osteria Grande aggiunge ora il secondo, realizzato domenica scorsa, 19 marzo. La prima iniziativa aveva come obiettivo la fornitura dell’arredamento per una delle cinque sale di comunità progettate dalla Caritas per ridare alle persone di quei territori la possibilità di trovarsi insieme e di ricostruire un tessuto sociale in gran parte disgregato dall’esodo provocato dal sisma, la sala di comunità di Norcia.

La concomitanza con la festività di San Giuseppe ha suggerito di puntare sulle raviole, il dolce tradizionale nel bolognese. Nella cucina dell’oratorio hanno lavorato in tanti.e domenica mattina intorno al gazebo sul piazzale della parrocchia si sono affollati tutti per comprare le raviole e per fare colazione col cappuccino preparato dagli allievi dell’istituto alberghiero.

Cosi monsignor Boccardo, vescovo di Norcia, ha fatto conoscenza con i fedeli, con i bambini del catechismo, con la Chiesa di Osteria Grande riunita intorno all’Eucarestia che ha poi presieduto, portando la riconoscenza della comunità nursina.
Nel frattempo, a cento metri di distanza, al bocciodromo, apparecchiavano per trecentoquaranta persone. Un pranzo donato da cinghialai, bocciofila e polisportiva a favore di quattro allevamenti delle province di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata. Una festa davvero comunitaria aperta a tutti in nome della solidarietà, conclusa in serata di nuovo in oratorio intorno alle crescentine preparate dal MASCI e dai giovani.
Le cifre:
11 dicembre 2016 in parrocchia 13.500 €
19 marzo 2017 in parrocchia 3.800 €
19 marzo 2017 al bocciodromo 11.400 €

Presenze di autorità
Mons. Renato Boccardo
Sindaco di Castel San Pietro Fausto Tinti
Ass. Reg. Petitti
Parroco di Osteria Grande don Arnaldo Righi
Parroco di Castel San Pietro don Gabriele Riccioni
Cons. Reg. Francesca Marchetti

Comments are closed.