admin on settembre 13th, 2018

La chiesetta di San Michele verso passo Pinèi

Ormai il concetto di villeggiatura è rimasto quasi soltanto nella mente di chi, come me, ha vissuto nell’epoca in cui, terminate le scuole, chi poteva permetterselo, trasmigrava in montagna o al mare per almeno due settimane per sfuggire al caldo torrido dell’estate. Nel tempo si sono aggiunte le vacanze invernali per praticare lo sci e poi i weekend, i viaggi, e con l’utilizzo diffuso dell’auto, dell’aereo e di mezzi specifici come le roulotte prima e i camper dopo, la villeggiatura si è sempre più differenziata a seconda dei gusti, dell’età e delle possibilità economiche.

Non sono state così speciali le mie vacanze quest’anno. Hanno ricalcato modelli ormai generalizzati. Come tanti nonni, abbiamo condiviso buona parte della villeggiatura estiva, da molti anni ormai, con i nipoti e, da quest’anno, con l’amica di una di loro. 

D’ invéren, quand è fradd e prèst vén sîra

at vén in mänt l’estè in vilegiatûra

t’impéi l’aipàd e t spénz int la tastîra

scorri le foto e monta la sverzûra.

Che spetàcuel, èt vésst che panorama? 

t’ arcórdät ch’avàn bó dalla sorgente?

l’è åura ed  preparèr un bel progrâma

per la prossima estate effervescente!

A mî mujér ai piès piò la muntâgna

La i pènsa lî par tänp a prenotèr

Un sît indùv i dscårren c’m in Germagna

e par claziån ai piès d esagerèr.

Am tåcca acsé l ôv frėtt con la panzatta

Col becchime tostato e i brustulén

Anc s am era insugnè cla bèla fàtta

Dla Sacher ch’è tuchè a l’anvåud pió cén.

A sån stè vî in lói st estè con chi ragâz

Ogni ân pió èlt mo änc pió birichén

Só pral sintìr i én sänper  in vantâz

Con dänt’r al zaino la scôrta pral spuntén.

Ed gran vulè i arìven lasó prâria

Is métt’n a tèvla e i sdòc’n int al Menù:

“L’offerta, lo sai, nonno, è molto varia …

Con la polenta, di cervo, hanno il ragù”.

“Su… Su, ragazzi, abbiam fatto provvista

só pral sintîr ormai am amànca al fiè

E adesso tutti matti per sta  lista

Con i Canederli, i würstel e änc al zlè?”

Mé con dåu fatt ed Speck int al panén

Am n è davänz e am sént bele cuntènt

Låur qué ins cuntánten brîsa d’un spuntén:

Ai vòl dal gûlas in vàtta a la pulènt!  

Vût c an al sèva che scônza …. La sá ‘d pôc?

Mo l è al scuntrén c l è sänper pió salè.

Mo sé, bisåggna azónnzer quèlc baiòc

In ferie an s pól falîr e alåura avàn spalè.

Ché incù  s t è con tè la tesserina

t an vàdd mégga che i góbbi i våulan vî.

Såul a cà t at n acôrz della rovina

s t î pôc espért con l’app a tgnîri drî.

L éra acsé bôna, però cla fatta zâla,

col ragù che anc adès am plócc i bâfi

prónti a turnèr la só col zaino in spâla

e scrîver in poesî un èter pitâfi.

………………………………………..

E invezi ed cåursa zå pral stàss sintîr

i zuvän pr es’r i prémm  a fer la dåzza

i nûn adèśi, ca vlän turnèr intîr …

e d sudåur… in disàjsa, gnanc na gåzza!

A cà i én tótt davanti a la tivì

Musgánd ed gósst al pàn col salamén.

Col fon äl fämmen is sùgan i cavî,

E i mâsti invurné coi sû Telefonén.

“Adès pó basta ster lé con chi bagâi

a strasinèr al tänp e l’intelletto

che il tempo passa e non ritmorna mai

E chi l’ha perso allor si batte il petto.”

“Ma è l’ora concordata, caro nonno …

E spesso con sti Ghéims che noi facciamo,

Quando tu dormi e noi non abbiam sonno

Della mente la forza sviluppiamo.”

A i vòl un pó ‘d pazenzia, mo a la fén

Fa bän a la salùt ander d’acórd,

Tratgnîr un sguèrd, un schérz, un surisén,

Una paróla c fà dir … sé sé a m arcórd….

Ma non è finita lì. Finite invece le disponibilità finanziarie per soggiornare lontano, abbiamo fatto ritorno al paesello, ma il meteo, non ha dato tregua e la temperatura invitava a prolungare quello stato di benessere che la vacanza offre e così … 

Sé ça m arcórd trài stmèn atàiś ai prè

Con cl’ariarénna c’arév purtè anc a cà.

A sån vgnó in zà coi vidär sigilè,

Mo lî, pió furba ed tótt, l è vanzè là.

C’sa vût fèri, a m sån détt, mi adatterò,

fât curâg’ Zachiról, n è mâi mórt inción!

che se qué le rocce non incontrerò

di sintirén, tranquéll, a i n è pió d ón.

Mé a stàg a l’Ustarî, ai pî dei colli,

In mänc d un’ åura t arîv só a Vargnèna,

brisa córrer se i muscoli son molli

và d lóng e lâsa stèr pr adès l’Albèna.

Piotòst … al bar, m arcmànd, l è prôpi in piâza!

e s t î curiåus e at piès l’èrt la pió antìga,

s l è bûr in cîsa sta aténti t an stramâza,

ma a sån sicúr, la cripta già t’intriga.

Se, invézi, di relax t avéss la vojja,

èter du pas e t i arivè al Palâzzo

esplora a tuo piacer, pâsa la nojja

e quand t ven fora, t i nov comm un ragazzo.

Un bèl dé, ca i éra prôpi in scuèder

a vag vî a l’èlba puntãnd vérs månt Caldrèr.

Änc s t àn vû brîsa t pens a pèd’r e mèder

Reséster e l’Italia liberèr.

………………….

Una mattina … Mi son svegliato ……

Bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao

A m sån surpràis…l’avevo già intonato ….

Sé sé l è méi ça vaga, ciao ciao ciao …

A l ò sänper savó che mé a m cumóv …

E adès davanti a mé .. .. Brîsa la stàssa

La ròcia che in Trentino sämp’r a tróv

I én i calänc, i sû, quî dla badàssa.

Nigher, la crâssta c taja l’aria. E ‘l vent?

scåulta… la séntet l’urchèstra di viulén?

tès al cunzért … s arpósa al canbiamènt

la crâssta n è piò lî, col såul à i brilantén

A slóng al pâs e cänbia al panorâma

mille pensieri i m pàsan par la tèsta…

sént che sufrétt … a tèvla tótt l’arciâma

quèsi a Castèl .. alåura as pôl fèr fèsta.

La mia villeggiatura qui d’attorno

sänza tänti valîs, såul col zainetto,

prevede di mangiare qualche giorno

di qualche piatto tipico al cospetto.

Turtlén, turtlón, lasagn o taiadèl,

t an t sbâli brîsa con la tradiziån

la spójja què i la fan col matarèl.

Brisa scurdèret un caliz ed cal bån

Sangiovese? Albana? Pignoletto?

se dåpp a sån sicur che col castrato

vuoi completare questo bel pranzetto

troverai, di vino, il più indicato.

Se la vilegiatûra qué a Castèl

l è un lât e un mêl per ogni buon palato,

a t al dégg mé un sît ch’è pròpi bèl,

un paradîs, tra il magico e il fatato.

l’è un zardén – mégga par tótt – sta atènti …

no, no, cus’ èt capé? l’è samp’r avêrt

vên pur dänter, coraggio, se ti senti …

in pónta ed pî … d an dsturbèr al cunzért

o chi à avert un libar e  lèz int i pinsir

chi an traversè cla ment che adès l an pansa piò 

opûr chi dû ragaz imêrz int al sô avgnîr

o cl umarèl lé a sédar … parché al le sà pó ló

Quasst qué l è un sît segrêt, mo in sta zitè

c’è solo l’imbarazzo di esplorare

la natura, la storia …. e se anche a te

venisse la voglia di provare,

nella lingua di Dante o in qualla ‘d Balanzån

a sån qué prónti a fèret cunpagnî …

vilegiatûra par tótta la stasån

prepèra al zaino, ch l è åura d ander vî!

admin on agosto 8th, 2018

Rabbia montante. Non saprei come altro definire la progressione emotiva che passo dopo passo si impadronisce di me mentre da Osteria Grande salgo verso Varignana, la mia ormai quotidiana ginnastica mattutina e lo sguardo si dirige impietoso verso il ciglio della strada.

Buona visione!

Scusatemi.

Non volevo proprio schifarvi, ma suscitare qualcosa di simile a quanto avevo provato io … quello sì.

Trovare una spiegazione razionale a un gesto così incivile è molto lontano dalle mie possibilità. Credo che non servano molti commenti. Valga soltanto la rabbia che la visione diretta ha suscitato in me e mi ha, ogni volta, indotto a scattare e immortalare queste schifezze.  Non tanto per la materia costitutiva, ma per il gesto incivile che le ha messe in posa lungo una bella strada della collina circostante casa mia.

Eppure non abito in qualche “schifopoli”, di quelle un giorno sì e uno no agli onori delle cronache.

Più d’una volta ho auspicato di incontrare qualche responsabile della decenza urbana o anche semplicemente qualche cittadino lungo il mio cammino. Un paio di volte è successo e la commiserazione è stata immediata. Devo ammettere che nessuno ha imputato al Comune o all’ente preposto alla raccolta dei rifiuti la responsabilità di quel panorama. Credo a giusta ragione.

Non sono d’accordo che tocchi all’Ente che governa il territorio di impegnare risorse per rimediare ai danni inferti all’ambiente da parte di cittadini irresponsabili e incivili. Appunto “incivili”. Ecco, a questi sì, sarei, invece, per togliere l’onore di fregiarsi e di esercitare il diritto di cittadinanza, di essere cives.

Il cittadino, civis nella lingua dei nostri antenati, era colui che godeva dei diritti assicurati dalle leggi e, nel segno della corresponsabilità verso la civitas, la comunità dei cittadini, pagava  pure le tasse per godere dei vantaggi connessi allo stare insieme in modo regolato da norme condivise.

Dopo oltre duemila anni sono troppi a non averlo ancora capito.

 

admin on agosto 1st, 2018

Cioè in pieno Luna Park. Questo il primo pensiero a disturbare, stamattina, questa serena escursione dolomitica, in una zona frequentata da sempre e per tanti anni. Fatica la memoria a ricordare i nomi delle vette, delle valli, dei percorsi, ma è inevitabile essere assaliti da quei ricordi che proprio perché i primi, o i più giovanili, e quindi ormai lontani e perciò diversi, ti rimbalzano riflessioni e ti inducono a valutazioni fors’anche ingenerose.

Appunto. Un luna Park.

Risalgono ai primi anni ’60 i miei iniziali contatti con le Dolomiti. Tornavi a casa e non trovavi le parole per trasmettere le emozioni provate. Non facevi in tempo a dire un nome, di un paese, di una cima, di un sentiero e c’era sempre qualcuno che ne aveva visto un altro, sempre più bello, più alto, più lontano, più faticoso…

E sai la sete? … Per fortuna che Giorgio non aveva bevuto tutto come me che avevo vuotato la borraccia alla prima sosta!

Fino a quando, col tempo e la somma delle esperienze, diventasti tu quello che “ma tu ci sei mai stato sul Picco di Vallandro?, ma hai mai visto l’alba sul Markinkele e … con centoventi ragazzi sul Serla ti assicuro che è tutta un’altra cosa … E, a proposito di ferrate? E il sorgere del sole dietro … non ricordo bene … però! Che roba règaz!

– Basta, dai – ti sentivi rispondere …

E le provviste avevi imparato a dosarle fin dalla partenza, perché non si sa mai…

Ma poi, troppo in fretta, passavano gli anni e la smania di far provare le stesse sensazioni – e anche quel pizzico di orgoglio che provavi tu ai tuoi figli – ti spingevano a portarli con te sui sentieri e ad arrampicarsi con te su quei picchi delle Dolomiti diventati ormai parte di te stesso.Te ne eri innamorato tu? Se ne sarebbero innamorati anche loro.

Non è stato allo stesso modo per tutti, ma se oggi sono i nipoti a raccontare che sono stati al rifugio “X” o sulla cima “Y”, quelle esperienze devono aver lasciato qualche segno.

Scoprire oggi, all’arrivo della seggiovia, una sorta di luna park per grandi e piccini, mi procura istantaneamente qualche domanda.

Quali immagini, quali emozioni porteranno con sé questi bambini e questi ragazzi intenti ad “avventurarsi” lungo la risalita a cremagliera del “carrriolino” sul quale scenderanno lungo uno scivolo non più emozionante di quello del parco giochi dietro casa?

Quali indimenticabili brividi provati rimbalzando ripetutamente sul gonfiabile identico a quello sperimentato ormai mille volte alla fiera del paese, racconteranno agli amici che in vacanza sono stati a Riccione?

Forse qualcosa di più vicino all’ambiente montano il villaggio sull’albero, tutto di legno, legato però, più alle favole che alla vera vita dei montanari di queste contrade che può essere vissuta concretamente alloggiando per qualche giorno in un maso o, semplicemente, visitandolo.

Si potrà affermare che questi sono pensieri di un uomo d’altri tempi. So bene che è così, non me lo nascondo, come non nego e apprezzo che todo cambia e comprendo le giuste ragioni dello sfruttamento economico di qualsiasi territorio, compreso questo. Mi si consentirà, però, di pensare che est modus in rebus e in particolare da popolazioni che sempre hanno dato prova di grande attaccamento al proprio territorio, mi attendo quella sana cautela che continui ad evitare ogni tentazione di snaturamento

di aree di altissimo pregio affidate loro per il benessere di tutti.

E questo vale a maggior ragione per che frequenta la montagna d’estate o d’inverno e vi trascorre le giornate serene delle ferie.

Qui metto il punto, perché chi legge ha capito benissimo il senso di questa affermazione.

 

 

 

admin on giugno 3rd, 2018

Mercoledì sera 30 maggio 2018

Ancora pensieri.

Sì, perché la sensazione di incertezza, di provvisorietà creatasi con la prevalenza delle due forze populiste alleatesi con l’unico scopo di andare al potere per realizzare scopi anche tra loro contrastanti e spesso non chiaramente esposti in campagna elettorale, trasmette insicurezza e anche rabbia per non essere stati capaci di evitare al paese questo passaggio.

E così ci tocca di assistere ad atteggiamenti al limite della correttezza istituzionale.

Al punto che si fa strada passo passo la convinzione di una presa in giro dei cittadini che volevano, col voto, determinare un esito e se ne trovano un altro.

Chi è andato a votare per il M5s per trasformare il sistema fiscale in modo da favorire chi possiede maggiore ricchezza e lasciare chi è povero nelle medesime condizioni? Nessuno, vero?

Mi verrebbe da spifferarlo all’orecchio di chi ha votato 5 stelle per fare un dispetto al PD. Diciamo al PD di Renzi. Con la certezza di ricostruire così “in purezza”, come si dice dei vini ottenuti dal vitigno originario, in seno ai 5 stelle il “vero”, l’unico, PD sopportabile.

Magari PDS … senza tutti quei “margheritini” che, alla fin dei conti, han sempre governato loro.

Ma lasciamo stare!

Chi ha votato Lega per assegnare un reddito sicuro a chi un lavoro nemmeno lo cerca? Ma nessuno, perbacco!

Chi ha votato “grillino” pensando che il MoVimento avrebbe fatto un contratto per governare con la destra delle ruspe e dei respingimenti? Io no di certo!

Chi ha messo la croce su Alberto da Giussano convinto di portare finalmente a governare chi “si fa il mazzo” per lavorare e far lavorare … e tutti gli altri “fuori dalle balle”?… eh…

E invece?

C’è quindi un inganno palese nel contratto stipulato da Salvini e Di Maio per acquisire un potere che da soli non erano in

grado di assaggiare. Un po’ come i Proci a Itaca. Come narra da par suo Massimo Recalcati … https://www.massimorecalcati.it/images/Massimo_Recalcati_La_Repubblica_30_maggio_2018.pdf

Massimo Recalcati

I NUOVI PROCI E L’ITALIA

La Repubblica, 30 maggio 2018

Anagraficamente Salvini e Di Maio appartengono alla generazione che avevo battezzato Telemaco: figli che hanno avuto il coraggio di farsi avanti, di impugnare le sorti del loro destino, di impegnarsi in prima persona per cambiare l’avvenire del loro Paese. Ma politicamente essi — anche alla luce di questo ultimo tristissimo quanto drammatico episodio della loro lunga marcia verso il potere — sembrano assomigliare di più ai Proci. Sono i cosiddetti “pretendenti”, i giovani principi che nell’Odissea di Omero esigono di possedere la regina Penelope e di insignorirsi del trono decretando Ulisse morto, disperso in chissà quale mare. Nel poema essi rivendicano il loro pieno diritto di governare Itaca nonostante non abbiano mostrato alcun rispetto per le sue istituzioni democratiche. Qui il lettore può spaziare ampiamente nella sua memoria tra le infinite ingiurie leghiste e grilline alle nostre istituzioni: ma non è forse questo il cemento armato della loro più profonda convergenza?

L’atteggiamento dei Proci non è però solo antiparlamentare — interrompono con le armi lo svolgimento di un’assemblea convocata da Telemaco, saccheggiano e deturpano la reggia che li ospita — ma è offensivo verso la Legge stessa della città. Il vuoto di Legge che si è determinato con l’assenza di Ulisse li rende padroni assoluti. Evocare la morte di Ulisse significa infatti evocare la morte della politica che deve lasciare il posto all’arroganza di chi rivendica il proprio diritto inscalfibile alla successione.

L’anti- parlamentarismo si ribalta così in una spinta furiosa ad occupare le istituzioni parlamentari. Una differenza sostanziale differenzia però i nuovi Proci dai vecchi. I nuovi hanno ottenuto democraticamente il consenso del popolo per governare la polis. Hanno un mandato, il popolo è con loro, li sostiene. Tuttavia, la Legge della città ha il compito di ricordare loro che il diritto a governare non implica lo sconvolgimento delle regole democratiche della convivenza, non significa introdurre l’anti- parlamentarismo nelle istituzioni nel nome del popolo. Lo squadrismo fascista violava la vita democratica in nome del popolo. Ed è sempre, come è tristemente noto, in nome del popolo che si sono commesse le più grandi atrocità nella storia. I padri costituenti hanno affidato al presidente della Repubblica un ruolo di garanzia. Bisogna che qualcuno ricordi ai nuovi Proci le regole complesse di una democrazia. Il diritto a governare non può mai coincidere con il diritto a fare quello che si vuole, con il puro arbitrio. Leghismo e grillismo empatizzano facilmente tra loro perché sono le espressioni più radicali del populismo: oppongono la volontà del popolo alla vita della politica.

Di fronte al collasso senza precedenti della sinistra e del Pd, di fronte al vuoto della Legge della città che sembra prolungare all’infinito la lunga notte di Itaca, c’è voluto ancora una volta il volto di un padre simbolico a testimoniare chele istituzioni non sono proprietà di nessuno, che il diritto al governare non coincide con il diritto a cancellare i principi elementari di una democrazia rappresentativa. È stato necessario il gesto coraggioso di un padre per salvare le speranze di Telemaco, per ricordare ai nuovi Proci che Ulisse è ancora vivo.

Domenica 4 giugno 2018, mattina.

La notte dell’incertezza sembra trascorsa. Ora il governo si è formato ed è atteso alla prova dei fatti. I Proci hanno festeggiato insieme al loro insediamento, anche la festa della Repubblica, ma già qualcuno rimpiange la monarchia.

“L’État c’est moi” disse Luigi XIV, il Re Sole. “Lo Stato siamo noi!” ha detto ieri il nostro Luigino.

Come inizio non c’è male…

admin on maggio 28th, 2018

Foto LaPresse

Sabato sera tardi 26 maggio 2018. Ottantatreesimo giorno dal voto del 4 marzo. Governo? Quando?

Pensieri.

Come uscire da questa situazione?

Bisogna uscire dalla logica maggioritaria.

La legge elettorale può anche non piacere, ma questa è e ha prodotto il risultato che sappiamo e la situazione che l’Italia sta vivendo in questi giorni.

Una situazione che a me – ma non solo a me – pare paradossale.

Paradossale per come è venuta producendosi a partire dal risultato elettorale del 2013 e, ancora prima, dal percorso che ha condotto alla formazione del Partito Democratico. Ma non voglio, ora, fare un’analisi di un processo lungo almeno dieci anni.

Mi interessa di più mettere nero su bianco un pensiero, poco più di un gioco mentale che parte dal presupposto che, piaccia o no, l’esito delle elezioni del 4 marzo 2018 presenta tutte le caratteristiche che si producono quando si è in presenza di un sistema elettorale proporzionale e l’orientamento degli elettori è largamente frammentato oltrechè spaesato.

Movimento 5 Stelle primo partito, Partito Democratico secondo, Centro destra prima coalizione, ma     immediatamente disorientata al suo interno a seconda delle opportunità e dei veti che vengono via via producendosi. Centro sinistra tormentato, ma non è una novità, dalle lotte correntizie che hanno caratterizzato la storia secolare della sinistra italiana e non solo.

Scrivo al termine dell’ottantaquattresimo giorno di crisi: Il Presidente della Repubblica ha affidato l’incarico al prof. Giuseppe Conte che nella ipotetica lista dei ministri si trova inserito, per chiara volontà di Matteo Salvini, il prof. Paolo Savona, a detta di molti noto per le sue posizioni euroscettiche. Mattarella non ci sta. Salvini che, sentendo il vento del Nord in poppa, vorrebbe replicare le elezioni, pone l’aut aut: o di qui a 24 ore il governo parte o lui non ci sta più. Di Maio, che per allearselo aveva sfidato la tenuta cieca e assoluta dei grillini, comincia a percepire accenni di tremarella e raccomanda calma e gesso.

E se davvero il tentativo di concludere fallisse?

Tutti a casa e apriamo di nuovo le urne con quel che costano?

Di nuovo con lo stesso sistema proporzionale?

Tutto può succedere, ma sono portato a credere che il Presidente Mattarella preferisca riesumare quel piano B ventilato prima del “Presidente aspetti un attimo, che forse ce la facciamo” gridato dai sedicenti vincitori con l’applauso più che benevolo dei quasi mille vecchi e nuovi inquilini di piazza Monte Citorio.

E come la mettiamo con quelli che hanno vinto?

Quelli, come già disse Bersani di se stesso e del PD, hanno “non vinto”. Anzi, il PD, allora, aveva la maggioranza da solo alla Camera mentre doveva cercare di coalizzarsi con qualcuno al Senato. E, dopo ceffoni e sberleffi dai pentastellati in streaming, toccò prima a Enrico Letta, poi a Renzi e infine a Gentiloni guidare il governo nella diciassettesima legislatura insieme ai transfughi del centrodestra.

Quindi?

Quindi prima di sciogliere le camere e riconvocare i comizi elettorali, secondo me sarebbe opportuno esplorare il possibile destino di quel fantomatico piano B.

Come?

(Riflessione interrotta il 27 maggio 2018, alle 17,45 circa …  il Premier incaricato Conte sta recandosi al Quirinale)

(continua)

admin on febbraio 12th, 2018

Il risultato parve carino.

E fu così che andrà come con le ciliegie. Una tira l’altra.

Rappresentare la vegetazione, quella vegetazione così ordinata, così varia, da giardino botanico era stato un esercizio minuzioso, ma al tempo stesso piacevole, rilassante e mi aveva fatto acquisire il nomignolo di Nonnet, per via di quelle piante acquatiche a galla sul laghetto, immortalate, lì sì, dal genio di Monet.

Già, le ninfee.

Ma non c’era solo quello a motivare. C’era il ricordo struggente e affettuoso di Sara, quella ragazzina capace di mobilitare dall’eternità mamma e papà e la folla dei coinvolti nella magia dell’angelico spazio alle porte dell’abitato. Si può dire, senza tema di esagerare, la città. Tutta la città.

Così misi mano alla seconda “opera” della “maturità” artistica personale: l’accesso al “Giardino segreto”.

Il luogo ove chiunque, solo o in compagnia, può sostare.

Già, la sosta. Sempre più rara nelle nostre vite affaccendate. Rara. E perciò preziosa. Li ho visti qualche volta, altre volte li immagino, come ora, aggirarsi pensosi, o seduti a guardare il cielo, o abbracciati incuranti della mia presenza o fissi sulle pagine di un libro.

L’esperienza della sosta è molto personale. Io ne posso rammentare tre che sono caratteristiche di questa fase della mia vita: il dormiveglia prima del risveglio, alla messa della domenica e nei tratti più agevoli delle camminate solitarie e non solo.

Prima del risveglio mattutino quando la mente è riposata e sgombra compaiono spesso le soluzioni dei problemi. Raramente mi succede di approfittarne passando immediatamente all’azione che si rivela sempre decisiva. E scritta. Più spesso le immagini sfocano al passo con il fluire delle prime attività e vanno a depositarsi chissà dove per riaffiorare solo qualche volta, inconsciamente, sollecitate dall’urgenza della decisione.

Alla messa capita spesso di vagare spensierati, talora, ma non sempre, sollecitati dalle parole alte delle Scritture, altre volte all’inseguimento di immagini che trovano spazio e si diffondono favorite dall’atmosfera raccolta del rito. D’altra parte è la stessa Parola che descrive lo Spirito come un soffio di Vento che si fa sentire quando, come e dove vuole. E, a volte forse si riposa e lascia il posto alla folla dei nostri pensieri in libertà.

Paradossale? No. Anche il cammino diventa facilmente sosta. Quando non è sospinto dalla fretta e la mente si lascia invadere, libera, dagli stimoli che l’ambiente propone passo dopo passo che, inavvertitamente, complici gli automatismi dell’andatura, si fanno sfondo, avviando sull’onda di qualche ricordo, prima timidi, poi sempre più sicuri, sorprendenti catene di ragionamenti che non avrebbero mai avuto, altrove, l’ardire di affacciarsi.

Cogito. Ergo sum.

 

admin on dicembre 28th, 2017

Particolare della decorazione policroma del mosaico con l'acanto e le volute fiorite

Ho preferito rinunciare all’autobus e rientrare a piedi.

Da Ozzano dove ho lasciato la Panda per un intervento meccanico dall’amico Sergio.

Alla base della scelta c’è, come spesso mi accade, la voglia di camminare, ma non solo. Da qualche tempo la mia curiosità è sollecitata dai nuovi scavi dell’antica Claterna a lato della via Emilia, poco prima di Maggio. Non verso sud dove si possono ammirare i pavimenti a mosaico di una villa romana. È verso nord dove già nell’area della “domus del fabbro” ferve l’attività di alcune ragazze intente a ri-costruire uno dei muri della casa. Archeologia sperimentale, mi dicono. Ma non è lì che voglio curiosare. Vedo che ormai una vera cavedagna si inoltra verso est, al centro del campo di erba medica. Mi assicuro che non ci siano divieti e allungo il passo. Una lunga montagnola di terra nasconde alla vista la truppa di giovani intenti a scavare in questa nuova area.

La cavedagna  è ormai una traccia di sentiero che seguo con la curiosità dell’esploratore sulla soglia dell’obiettivo. Mi affaccio e mi soffermo un po’ ad osservare. Ragazze e ragazzi intenti a scavare, spazzolare, osservare sotto gli occhi attenti di due “ispettori” della Sovrintendenza. Come Umarell sono alle prime armi e non mi sento di attaccare bottone. È uno degli ispettori che mi vede e si avvicina. Sta a vedere che mi manda via. Invece no. Apre lui il dibattito che svolta subito sulla questione economica. La città romana, il teatro, i ragazzi … Ci sarebbe bisogno di altre risorse. Faccio capire che Claterna non è una novità per me e a quel punto devo qualificarmi: – Ci ho fatto il sindaco qui.

IMG_9801.JPG

– Ma allora conosce Maurizio! Non faccio in tempo ad annuire che già lo chiama.

Maurizio è Maurizio Molinari, ispettore volontario della Sovrintendenza. Superfluo soffermarsi sui convenevoli tra due persone che non si vedono da anni, ma che si stimano. Ciò che conta sono quei dieci minuti a sentirlo raccontare di Claterna e vederla a poco a poco riapparire e come rianimarsi. Gli occhi vedono pietre in fila, mentre le parole creano mura, porte, corridoi, gradoni, spalti che lentamente si popolano di pomposi cives claternati e del cicaleccio di eleganti matrone curiose in attesa di assistere all’esibizione …

Foto aerea da cui risultano evidenti le tracce di edifici pubblici

 

Una commedia di Plauto? Un match fra due lottatori del posto? Circenses offerti alla plebe dai dives della città?

E va bene. Indubbiamente affascinante questo tuffo in un buio secolare appena rischiarato da questi primi affioramenti. Ma la scena è viva. Ragazze e ragazzi veri, a piccoli gruppi, si prendono cura di questi oggetti che, nel loro sonno millenario, mai avrebbero immaginato di uscire dall’ombra fredda e rassicurante del sottosuolo, sentirsi accarezzati dal tocco morbido di dita umane, solleticati dalle setole di una spazzola che restituisce loro forma, colore, significato. Da venti secoli e più non udivano suoni di parole scambiate in una lingua quasi indecifrabile. Ma a prestare attenzione si rendono conto a poco a poco che quelle voci parlano di loro, curiose di saperne di più, felici di scoprire, di tanto in tanto, una risposta. Eh, sì, parlano queste pietre!  Raccontano storie e intrecciano un magico dialogo fra vite prima lontane, ora vicine e curiose …

Altro che libro di storia!

Non c’è paragone. La differenza fra esserci e sentirla raccontare. Poi, se il narratore è bravo, se è un affabulatore, potrà farvela gustare come se foste stati lì, o forse, persino meglio, ma non potrete mai dire “io c’ero”.

Fortunati questi ragazzi degli ultimi anni del Galvani cui tocca studiare cercando, toccando, scoprendo su questo campo di erba medica al limitare della via Emilia e vivere così l’avventura della scuola-lavoro.

Mi allontano pensoso. Penso che tornerò.

 

admin on luglio 20th, 2017

Osteria Grande Solidale.2

Manfesto.pdf

Seconda puntata di una iniziativa per far ripartire società ed economia nelle comunità colpite dal terremoto.

Archiviato il primo capitolo, svolto l’11 dicembre scorso, la parrocchia di Osteria Grande aggiunge ora il secondo, realizzato domenica scorsa, 19 marzo. La prima iniziativa aveva come obiettivo la fornitura dell’arredamento per una delle cinque sale di comunità progettate dalla Caritas per ridare alle persone di quei territori la possibilità di trovarsi insieme e di ricostruire un tessuto sociale in gran parte disgregato dall’esodo provocato dal sisma, la sala di comunità di Norcia.

La concomitanza con la festività di San Giuseppe ha suggerito di puntare sulle raviole, il dolce tradizionale nel bolognese. Nella cucina dell’oratorio hanno lavorato in tanti.e domenica mattina intorno al gazebo sul piazzale della parrocchia si sono affollati tutti per comprare le raviole e per fare colazione col cappuccino preparato dagli allievi dell’istituto alberghiero.

Cosi monsignor Boccardo, vescovo di Norcia, ha fatto conoscenza con i fedeli, con i bambini del catechismo, con la Chiesa di Osteria Grande riunita intorno all’Eucarestia che ha poi presieduto, portando la riconoscenza della comunità nursina.
Nel frattempo, a cento metri di distanza, al bocciodromo, apparecchiavano per trecentoquaranta persone. Un pranzo donato da cinghialai, bocciofila e polisportiva a favore di quattro allevamenti delle province di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata. Una festa davvero comunitaria aperta a tutti in nome della solidarietà, conclusa in serata di nuovo in oratorio intorno alle crescentine preparate dal MASCI e dai giovani.
Le cifre:
11 dicembre 2016 in parrocchia 13.500 €
19 marzo 2017 in parrocchia 3.800 €
19 marzo 2017 al bocciodromo 11.400 €

Presenze di autorità
Mons. Renato Boccardo
Sindaco di Castel San Pietro Fausto Tinti
Ass. Reg. Petitti
Parroco di Osteria Grande don Arnaldo Righi
Parroco di Castel San Pietro don Gabriele Riccioni
Cons. Reg. Francesca Marchetti

admin on gennaio 22nd, 2017

È trascorso più di un mese da quella domenica. Tutto era cominciato un paio di settimane prima in coda a una riunione dell’Associazione Sentieri di Pace. Altre volte per fare found raising in favore di qualche buona causa bastava organizzare un pranzo o una cena nel salone dell’oratorio. Questa volta l’idea ha preso da subito una piega diversa. Erano in tanti a sentire verso i luoghi colpiti dal terremoto qualche legame affettivo speciale. Lo racconta bene Sara a pag. 20 e 21 del periodico Agenda dell’Azione Cattolica bolognese. Insieme a questo mondo di ragazzi e giovani pellegrini degli anni a cavallo dei due millenni, ora genitori a loro volta, ha subito detto “presente!” la generazione precedente che per richiami religiosi, turistici, culturali, professionali, almeno una volta, aveva messo piede  in quelle terre. E allora è venuto spontaneo il coinvolgimento. Chi va a Norcia a comprare salumi e formaggi, i Lions che donano le penne rigate  per l’amatriciana, quella da gustare in compagnia e quella take away (inchèrta e pórta a cà) con i catechisti in prima linea, chi si rende disponibile a divulgare l’iniziativa e trovare premi per la lotteria tra i commercianti del territorio, chi ci sta a fare l’uomo sandwich lungo la via Emilia, chi si mette a disposizione in cucina e per servire a tavola, le signore della Caritas al loro “stand” delle statuine del presepe, i giovani insieme al MASCI di Castel San Pietro a cuocere e distribuire crescentine,  gli Alpini pronti col vino brulé, la Polizia Municipale per tenere ordinato il traffico, una straordinaria band intergenerazionale sul palco fino a sera e l’intervento consistente e straordinario dell’Associazione Pace Adesso.

Consuntivo: non meno di centocinquanta persone all’opera, 13.000 € netti in cassa. A chi darli? Per quale obiettivo?

Qualche contatto ci ha fatto incontrare, attraverso il Vescovo di Spoleto e Norcia, con le urgenze della Valnerina e dei suoi borghi. Qualche colloquio ci ha fatto capire che tenere unite quelle comunità frantumate non solo per la distruzione delle case, ma anche per la diaspora delle collocazioni provvisorie, sarà un’esigenza prioritaria. Per questo servirà un luogo, una grande sala capace di accogliere in sicurezza e comodità qualsiasi riunione. Ci siamo così orientati e impegnati a provvedere all’arredamento. Sappiamo già che la cifra raccolta non sarà sufficiente, ma qui nessuno si perde d’animo: già si sta progettando la seconda puntata per il 19 marzo, domenica e festa di San Giuseppe, quando dalle nostre parti i dolci della tradizione sono le raviole. Il passaparola ha preso il via.

admin on gennaio 8th, 2017

Ti vaccini, perché sei previdente, diligente e poi l’influenza è fastidiosa, insopportabile. Nonostante ciò puntualmente, sfacciatamente si presenta. Bontà sua lascia passare il giorno di Natale, ma la mattina di Santo Stefano irrompe  villanamente con tre o quattro conati uditi anche al piano di sopra.

E così è fatta.

Davanti a me una settimana da malato e quasi subito riaffiora la voglia di scrivere. Queste pagine sono in attesa da mesi, ma non ci credo quasi più. Le idee, i pensieri, invece, sarà la febbre, si accavallano impazziti. Qualcosa da tenere per me, qualcosa, molto meno, potrebbe essere anche scritto. È passata una settimana e ancora non ho scritto nulla.

Basta preambolo, scrivo!

Comincio … dall’inizio, ovviamente. Come Giovanni. Giovanni chi? Il più famoso, quello del Vangelo. Se lo cita un “non credente” della posta di Eugenio Scalfari, potrò citarlo anch’io … o no? Guarda caso la citazione con cui il fondatore di Repubblica augura buon Natale ai lettori, affronta un tema sul quale mi arrovello da un po’ di tempo e, per certi versi, si insinua come un bisturi nel campo delle grandi domande dell’umanità, affondando persino in questioni apparentemente lontanissime e disperatamente attuali come la vicenda tutta nostra delle “post verità”.

“In principio erat verbum”.

Tutto cominciò con la parola.

Giovanni, l’apostolo prediletto, scrive anche lui un Vangelo, ma non si ferma ai fatti, li filtra aprendo squarci interpretativi sulla figura di Gesù, ma, prima ancora, laicamente, filosoficamente, sulla vicenda umana nell’Universo e nella Storia.

Già, da dove comincia la Storia? Tutta la storia. Se non da quando è sbocciata la parola. Esisteva realmente qualcosa prima che dalle labbra di un essere uscisse un suono con un significato? Proviamo a immaginarcelo, l’Universo. C’era tutto, ma … muto, silente nel silenzio cosmico.

Tutto prese vita soltanto e finalmente nel momento in cui un essere ad ogni cosa diede un nome, anche a se stesso.

La parola ha avuto e ha il potere di creare. E sarebbe affascinante esplorare cosa ancora oggi crei. Vado a memoria in cerca di parole che hanno creato. Nel senso di trasformare in esistente l’inesistente. Mi limito ovviamente alla mia esperienza di vita e di cultura. Ed è così che si materializzano parole come “I have a dream …” di Martin Luther King, “… sortirne insieme è politica, sortirne da soli è avarizia” di don Lorenzo Milani, “Il sentiero della nonviolenza richiede molto più coraggio di quello della violenza” del Mahatma Gandhi …

Oltre a parole che hanno inciso fino a creare situazioni nuove e impensabili nell’evoluzione della società, credo che ognuno possa ritrovare nella propria memoria le parole che hanno contribuito alla sua crescita personale. Proprio in questi giorni di festa mi è capitato di rimettere mano a centinaia di lettere ricevute in gioventù, a cominciare da quelle dei miei genitori, e poi a tante di parenti, amici, maestri di vita. Terrò tutto per me, ma ho potuto così riflettere sulla incommensurabile ricchezza di quelle parole di affetto, di insegnamento, di incitamento, di preoccupazione, di soddisfazione, d’amore … Parole che, alcune di più, altre forse meno, hanno comunque contribuito a guidare pensieri e azioni, a costruire, forgiare, correggere, rinforzare, comportamenti, atteggiamenti, stili, propositi, volontà.

E così, mentre scrivo, di parola in parola, mi convinco sempre di più del valore miracoloso della parola. Anche di quelle che sto timidamente digitando.  Nel bene e nel male. E della delicatezza con cui le parole vanno usate. Sì, perché le parole possono anche procurare danni. A volte enormi. Non credo serva indagare nella storia  per trovare chissà quali esempi, basta pensare al Novecento e a parole come quelle che ancora, fortunatamente sbiadite dal tempo, si trovano ancora sulle pareti di edifici pubblici di un’epoca non tanto lontana. “Credere, obbedire, combattere”. Qualcuno sorride? Eppure in tanti hanno creduto, obbedito e combattuto. E non è stato uno scherzo. Oppure quelle per tanti incomprensibili parole scritte sui cancelli dei Lager: “Arbeit macht frei”, “Il lavoro rende liberi”. Fa rabbrividire, vero?

Ebbene, da qualche millennio possediamo la parola, questa facoltà caratteristica dell’umano, prima solo suono, poi segno grafico, poi sempre più facilmente riprodotto, stampato, trasmesso, tradotto, istantaneamente scambiato … Sempre di più, sempre più facile, sempre più immediata.

E adesso? mi è bastato dare un’occhiata a Facebook … e mi si sono rizzati i capelli. Com’è facile, però, raccontare menzogne! Senza neppure il tentativo di mascherarle … tanto di creduloni è pieno il web …